Assistenza Assorbitori a Bromuro di Litio - Mios Italia
15021
page-template-default,page,page-id-15021,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Assistenza Assorbitori a Bromuro di Litio

Il servizio di assistenza assorbitori a Bromuro di Litio comprende tutte le attività necessarie per mantenere nel tempo la piena efficienza degli impianti, assicurando ottime prestazioni e standard di risparmio energetico sempre soddisfacenti, nel rispetto delle normative vigenti.

assistenza assorbitori a bromuro di litio

Nel caso specifico degli assorbitori a bromuro a singolo e doppio stadio il personale tecnico Mios Srl può svolgere oltre alla manutenzione ordinaria:

  • Ottimizzazione del funzionamento del gruppo ad assorbimento per migliorare la resa
  • Ripristino della corretta concentrazione della soluzione di bromuro di litio (come dai dati indicativi di targa a seconda del modello e della marca) degli inibitori di corrosione e degli additivi per migliorare la resa degli stessi
  • Sostituzione di componenti strategici non funzionanti con ricambi originali
  • Revisione delle componenti meccaniche per raggiungimento ore o per guasti elettrici e/o meccanici
  • Pulizia dei fasci tubieri dei circuiti di scambio del circuito dell’acqua di torre
  • Filtraggio della soluzione per perfezionare l’efficenza dello scambio termico e per la prevenzione di formazione di solidi indissoluti in soluzione
  • Analisi chimiche della soluzione e test a pieno carico / carico parziale (con compilazione dei report di efficienza energentica)
manutenzione assorbitori a bromuro di litio

MIOS Srl è un Servizio Assistenza Tecnica JOHNSON CONTROLS, THERMAX E SHUANGLIANG autorizzato, esegue pertanto, oltre alla manutenzione ordinaria e straordinaria, anche gli interventi in Garanzia, gli avviamento dei nuovi gruppi refrigeratori e la vendita dei Ricambi Originali.

DOMANTE FREQUENTI SU ASSORBITORI

 

  1. COSE LA CRISTALLIZAZIONE IN UN ASSORBITORE? :

La cristallizzazione si verifica in concomitanza di una certa combinazione di temperature e concentrazioni di sale della soluzione. Il cambio di stato non danneggia il gruppo, ma impedisce la circolazione della soluzione e annulla la potenza frigorifera.

  1. QUANDO L’ASSORBITORE E’ CRISTALLIZATO? :
  • Quando la temperatura acqua refrigerata inizia ad aumentare.
  • Quando la soluzione nel vetro spia dell’assorbitore tende a diminuire
  • Quando la pompa di soluzione cavita con conseguente aumento della rumorosità.
  1. COSÈ IL BROMURO DI LITIO? :

Il bromuro di litio è il sale dell’acido bromidrico, che a temperatura ambiente si presenta come un solido bianco inodore.

  1. COSE’ L’AUTODECRISTALLIZAZIONE? :

E’ una procedura automatica di decristallizazione dell’assorbitore e serve ad evitare la cristallizzazione del sale, andando autonomamente a diluirlo con iniezioni di refrigerante e riduzione del calore apportato al generatore.

  1. COSE’ L’ADVAGUARD? :

E’ un additivo chimico inibitore della corrosione dei metalli a contatto con il sale e l’ossigeno. E’ una nuova formula di molibdato ed è inserito nella soluzione bromidrica in ppm.

  1. QUANDO LA POMPA DEL VUOTO DI UN ASSORBITORE NON E’ PIU’ EFFICIENTE?

La pompa del vuoto viene considerata inefficiente, quando la sua pressione di vuoto supera i 3-4 mmHg assoluti.

  1. QUANDO OCCORRE REVISIONARE LE POMPE DELL’ASSORBITORE YORK? :

Le pompe dell’assorbitore, secondo le procedure di fabbrica, vanno revisionate a 50.000 ore. E’ chiaro che le ore vanno ridotte, se l’unità non ha un funzionamento continuo, che comporta eccessivi avviamenti delle pompe.

  1. QUALE IL LIMITE DI CONCENTRAZIONE DELLA SOLUZIONE A PIENO CARICO PER YORK? :

Il limite di concentrazione della soluzione nell’assorbitore YORK è del 58%

  1. QUANDO L’ASSORBITORE È IN FERMATA STAGIONALE OCCORRE ESEGUIRE IL VUOTO PERIODICAMENTE? :

Quando l’assorbitore è in fermo stagionale, occorre eseguire il vuoto di mantenimento con periodicità mensile, per evitare l’usura dei metalli a causa di presenza di ossigeno. Se non si vuole procedere con degli spurghi periodici è opportuno pressurizzare l’unità in azoto, per preservarla fino alla rimessa in servizio dello stesso.

  1. COSE’ LA DISTILLAZIONE DEL REFRIGERANTE, IN UN ASSORBITORE? :

E’ la procedura con cui per mezzo del calore, si ha la separazione del refrigerante dalla soluzione bromidrica, per effetto di evaporazione sotto vuoto.

  1.  COME SI RICAVA IL C.O.P. DI UN ASSORBITORE? :

Il c.o.p. dell’assorbitore è il coefficiente di prestazione e indica la quantità di calore immesso (riscaldamento) o asportato (raffreddamento) in un sistema rispetto al lavoro impiegato. Si ricava dal rapporto tra la potenza termica assorbita e la potenza frigorifera erogata.

  1. COSE IL BILANCIO ENERGETICO DI UN ASSORBITORE? :

Il bilancio termico di un assorbitore e il rapporto di relazione delle impiegate nel suo funzionamento, dal quale si ricava che l’energia dissipata dalla torre evaporativa è la sommatoria dell’energia calda assorbita e l’energia fredda erogata.

Pt=Pgen.+Pevap.

  1. COSÈ IL CICLO DI DILUIZIONE DELL’ASSORBITORE? :

E’ una procedura di sicurezza della macchina, che prima di fermarsi avvia, per ridurre al massimo la concentrazione della soluzione, evitando così fenomeni di cristallizzazione all’avviamento, in condizioni sfavorevoli.

  1. OCCORRE SOSTITUIRE LA SOLUZIONE DI UN ASSORBITORE ALLAGATO? :

Non è indispensabile sostituire la soluzione se l’assorbitore è allagato, ma occorre distillare ed evacuare l’acqua in eccesso. In fine è necessari analizzare e correggere la soluzione, con l’apporto di additivi chimici appositi.

  1. IL MANOVUOTOMETRO A MERCURIO A COSA SERVE?

Il manovuotometro a mercurio viene utilizzato per verificare l’efficienza del circuito di spurgo, prima di eseguire il vuoto all’assorbitore.